Warning: A non-numeric value encountered in /membri/iltav/blog/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5763

Canyoning Brent de l’Art

Un’ avventura stupenda in un luogo insospettabile

Sant'Antonio Tortal

 

Come arrivare al canyon Brent de l’Art

La località di partenza della gita di “Canyoning Brent de l’Art” è nei pressi di Sant Antonio Tortal (BL). Per chi provenie dal Passo San Boldo bisogna prendere la prima strada a sinistra seguendo le indicazioni per il campo sportivo. Si prosegue sempre diritti. La strada dopo circa 1km diventa bianca. La si percorre sino ad un bivio in cui si tiene la sinistra. La strada torna poi ad essere asfaltata e si raggiunge dopo poco un piccolo parcheggio sul lato destro.

Accesso al canyon Brent de l’Art

Dal parcheggio si scende per 5/10 min lungo il sentiero segnalato fino ad incontrare un ponticello in legno.
Dal momento che sono stato solo una volta in questi canyons e non ho trovato recensioni in rete adeguerò le mie descrizioni alla nomenclatura ed ai contrassegni che sono indicati nella mappa nei pressi del parcheggio.

Attrezzatura necessaria per fare torrentismo sul Brent de l’Art

Questo percorso è ideale per chi vuole fare il primo approccio al mondo del canyoning d’esplorazione. Non ci sono infatti particolari difficoltà come salti, calate e grossi ostacoli ambientali.

Per affrontare questa escursione di torrentismo è consigliato indossare la seguente attrezzatura:

  • Casco
  • Muta lunga da 5mm
  • Scarpe da canyoning

E’ possibile fare affidamento sull’appoggio delle guide alpine per visitare le gole in totale sicurezza e con adeguate spiegazioni sulle caratteristiche  formazioni rocciose.

PERCORSO DI CANYONING: BRENT N.1

Sul lato destro del ponte si apre un evidente forra che nella piantina è contrassegnata con il n.1. Questo Brent è il più accessibile dei tre ed è molto fotogenico. Basta scendere con attenzione le prime rocce e subito si entra nel torrente. Con un livello di acqua bassa la forra non presenta particolari rischi salvo quelli tipici di questo ambiente (rocce scivolose, alberi incastrati fra le rocce, piccoli ostacoli fra le pareti). Si raccomanda quindi prudenza, buon senso e attrezzatura adeguata. L’acqua è fredda anche d’estate e farsi male dentro una gola può comportare gravi complicazioni. Il Brent è breve, al massimo 200m, ma spettacolare. Qui si notano le varie striature colorate delle rocce che rendono questo ambiente molto affascinante e caratteristico. Sicuramente è un luogo di insospettabile e singolare bellezza. E’ un gioiello ancora inattaccato dal turismo che andrebbe però valorizzato adeguatamente per dare il giusto merito a queste interessanti e trascurate località montane. Questa prima breve escursione farà subito capire le amenità del luogo. Io sono sceso e risalito per lo stesso percorso ma c’è chi è arrivato alla fine della forra tramite un sentiero in mezzo al bosco.

PERCORSO DI CANYONING: BRENT N.2

Il Brent N.2 è quello che più mi ha colpito per l’ambiente selvaggio, le gole strettissime e le pozze d’ acqua verde smeraldo. Ho risalito il ramo di destra del torrente proprio di fronte al ponte. Si incontra dopo poco il sentiero naturalistico principale e si continua lungo l’alveo sassoso per una decina di minuti. L’entrata in forra è spettacolare. Si passa in mezzo a due strettissime fenditure nella roccia. Ci si chiede se bisogna proprio passare di lì e se si è nel posto giusto… I riflessi del sole sulle pareti bagnate, i ciclamini e tutto il verde sovrastante rendono questo tratto affascinante. Si esce dall’angusta fessura e ci si può godere un bel bagno su una pozza linda proprio sotto una piccola cascatella. Per proseguire bisogna passare sulle roccette accanto al salto d’acqua. La forra diventa imponente. Sopra di me ci sono alte pareti di rocce stratificate. Si raggiunge un’altra bellissima pozza sotto un’altra cascata. Non è possibile proseguire oltre senza un attrezzatura adeguata. Si potrebbe progredire lungo le roccette però bisogna portarsi degli ancoraggi per salire in sicurezza questo tratto. Se si torna indietro lungo il greto del torrente dopo poco è possibile risalire lungo il bosco ed incontrare subito il sentiero principale che permette di vedere la forra dall’alto. Credo sia possibile con livelli del torrente più elevati fare il percorso al contrario e scendere quindi dalla parte alta del canyon. Meglio però sincerarsi che l’area sia “sicura”. E’ possibile visionare dall’alto dei brevi tratti. Alcune funi a lato del sentiero segnalano il limite da cui è possibile gettare uno sguardo negli angusti anfratti sottostanti.

PERCORSO DI CANYONING: BRENT N.3

Per raggiungere il Brent n.3 bisogna risalire il letto del torrente che sale alla sinistra del ponte. Ci vogliono circa 15 minuti di cammino per arrivare all’entrata della forra. Quest’ultimo Brent è forse il più lungo ed è la via di mezzo tra lo spettacolare canyon stile “Colorado” n.1 e l’intricato e misterioso n.2. Ci sono subito dei piccoli scivoli che sarebbero forse divertenti con livelli d’acqua superiori se percorsi all’incontrario. Poco dopo si fa un bagno in una bella gola con le pareti che incombono proprio sopra la testa. Esse si chiudono sempre di più e si cammina proprio tra le caratteristiche onde rocciose bagnate dal torrente. Ci si ferma ad ammirare gli scorci sul bosco verde sovrastante ed i fasci di luce che investono il calcare colorato. Il colpo d’occhio è straordinario. Ci si gode un ultimo rinfrescante idromassaggio sotto ad una cascatella e si è in breve alla fine del percorso.