Warning: A non-numeric value encountered in /membri/iltav/blog/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5763

Kayak sul lago di Santa Croce in Alpago

Un lago perfetto per imparare i principi del kayak o per fare allenamento

 

L’Alpago è un territorio dal potenziale enorme per quanto riguarda la pratica e lo sviluppo delle attività sportive. Un’ area che andrebbe valorizzata con le idee ed i contributi di chi ama questa terra dov’è possibile fare sport di ogni tipo.

Ci sono già molte discipline che vengono praticate in questa zona come:

  • Scialpinismo
  • Kite surf / Windsurf
  • Vela
  • Pesca
  • Mountain bike
  • Equitazione
  • Parapendio
  • Trekking

Ma ce n’è una che ancora non ha ricevuto la giusta considerazione: il kayak.

Il lago di Santa Croce per le sue dimensioni e per la facilità d’accesso si rende idoneo per chi vuole allenarsi o imparare i principi del kayak. Si potrebbero organizzare dei corsi base o istituire delle strutture per il noleggio dei kayak sit on top per chi non ha un’adeguata esperienza e vuole fare le prime pagaiate in un ambiente bello, sicuro e tranquillo.

In estate è possibile raggiungere rapidamente, grazie alla comoda autostrada, il lago di Santa Croce e ci si può salvare dalla soffocante calura estiva. Ci si può imbarcare comodamente nei pressi dell’ampio parcheggione di Farra d’Alpago o anche nelle più appartata e pacifica Baia delle Sirene.

 Il giro in kayak del Lago di Santa Croce

Chi sa già manovrare il proprio kayak ed ha un discreto allenamento potrebbe cimentarsi nel giro del lago di Santa Croce. L‘unica insidia vera è il vento che in certi orari spira forte (soprattutto al pomeriggio) e ostacola l’avanzamento. Si tratta di un periplo di circa un paio d’ore (11km) a seconda del mezzo utilizzato (kayak da mare o da fiume) e delle condizioni atmosferiche. Nella costa settentrionale del lago potrebbero essere presenti delle zone di secca a seconda di quanta acqua viene rilasciata per produrre energia elettrica. In questo caso l’altezza dell’acqua potrebbe raggiungere i pochi centimetri e la vostra pagaia potrebbe affondare nel fondale limaccioso del lago. Queste zone però sono facilmente distinguibili dal colore marroncino dell’acqua che prende il posto del blu intenso. Meglio quindi restare dove l’acqua è più fonda e pagaiare piacevolmente tra le montagne dell’Alpago da un lato ed il Nevegal dall’altro.

 

About the author

Luca Tavian Luca Tavian is an authentic expert on Sports Marketing and Management. An experienced manager and an active sportsman with a University education and a specialization in the Web tools for the development of Brand and Corporate Identity.